Vaccino Covid per over 70: ecco l’elenco per chi soffre di patologie

Sono partite stamane le prenotazioni al vaccino Covid per gli over 70. Secondo le linee guida, gli over 70 con patologie devono attendere i vaccini mRNA*.

vaccino covid

Vaccino Covid per over 70: stamane è iniziata la prenotazione

In poche ore dall’inizio della prenotazione per il vaccino Covid si sono accumulati già 53mila prenotati. La maggioranza dei cittadini ha scelto la piattaforma online gestita da Poste italiane (prenotazioni.vaccinicovid.gov.it) o il portale della Regione (www.siciliacoronavirus.it) per potersi prenotare. Le vaccinazioni per la categoria over 70 sono cominciate stamane nei Centri allestiti in tutto il territorio siciliano. Tutti i cittadini dalla classe 1951 fino alla classe 1942 possono prenotarsi e ricevere la somministrazione con AstraZeneca. Da essa sono esclusi i soggetti estremamente vulnerabili.

Chi sono i soggetti estremamente vulnerabili?

La Regione ha individuato una tabella per i soggetti estremamente vulnerabili, ai quali è raccomandata la somministrazione di vaccini a mRNA*, ovvero Pfizer e Moderna. Le persone estremamente vulnerabili sono intese come persone affette da condizioni che per danno d’organo pre-esistente, o che in ragione di una compromissione della risposta immunitaria a SARS-CoV-2 hanno un rischio particolarmente elevato di sviluppare forme gravi o letali di Covid-19, a partire dai 16 anni di età.

Per chi ha queste patologie o rientra nell’elenco è preferibile non vaccinarsi con AstraZeneca e attendere una successiva prenotazione per la loro categoria.

La tabella

  • Malattie respiratorie (Fibrosi polmonare idiopatica; altre patologie che necessitino di ossigenoterapia).
  • Malattie cardiocircolatorie- Scompenso cardiaco in classe avanzata (IV NYHA); pazienti post shock cardiogeno).
  • Condizioni neurologiche e disabilità (fisica, sensoriale, intellettiva, psichica)- Sclerosi laterale amiotrofica; sclerosi multipla; paralisi cerebrali infantili; pazienti in trattamento con farmaci biologici o terapie immunodepressive e conviventi; miastenia gravis; patologie neurologiche disimmuni.
  • Diabete/altre endocrinopatie severe quali morbo di Addison Soggetti over 18 con diabete giovanile, diabete di tipo 2 e necessitano di almeno 2 farmaci, ipoglicemizzanti orali o che hanno sviluppato una vascolopatia periferica con indice di Fontaine maggiore o uguale a 3.
  • Fibrosi cistica- Pazienti da considerare per definizione ad alta fragilità per le implicazioni respiratorie tipiche della patologia di base.
  • Insufficienza renale/patologia renale Pazienti sottoposti a dialisi.
  • Malattie autoimmuni – immunodeficienze primitive Grave compromissione polmonare o marcata immunodeficienza e conviventi. Malattie autoimmuni con associata immunodepressione secondaria a trattamento terapeutico e conviventi.
  • Malattia epatica- Pazienti con diagnosi di cirrosi epatica.
  • Malattie cerebrovascolari- Evento ischemico-emorragico cerebrale che abbia compromesso l’autonomia neurologica e cognitiva del paziente affetto. Persone che hanno subito uno “stroke” nel 2020 e per gli anni precedenti con ranking maggiore o uguale a 3.
  • Patologie onco-ematologiche ed emoglobinopatie- Pazienti onco-ematologici in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure e conviventi. Genitori di pazienti sotto i 16 anni di età. Pazienti affetti da talassemia e anemia a cellule falciformi.
  • Sindrome di Down- Tutti i pazienti con sindrome di Down in ragione della loro parziale competenza immunologica e della assai frequente presenza di cardiopatie congenite sono da ritenersi fragili.
  • Grave obesità- Pazienti con BMI maggiore di 35.
  • Trapianto di organo solido e di cellule staminali emopoietiche (in lista di attesa e sottoposti a trapianto emopoietico dopo 3 mesi dal trapianto ed entro 1 anno dalla procedura) Trapianto di organo solido o emopoietico al di fuori delle tempistiche specificate, che abbiano sviluppato una malattia del trapianto contro l’ospite cronica in terapia immunosoppressiva e conviventi.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo