Tra Saronni, Nibali e il Tirreno: il “Giro di Sicilia” parte da Milazzo

Il Giro di Sicilia ha visto come prima tappa la Milazzo-Bagheria. Le due ruote sono tornate finalmente a solcare l'asfalto della Marina Garibaldi

Giro di Sicilia

C’è un piccolo angolo nei cuori di tutti gli italiani nel quale risiedono le memorie delle più grandi imprese ciclistiche della nostra storia. Il fascino delle due ruote condotte col sudore e col sangue lungo i valichi e i pendii della Penisola ha sempre destato un sentimento di comunanza tra tutte le popolazioni italiche. La Sicilia, terra di Messina e Nibali, ospita dal 1907 il celeberrimo Giro di Sicilia, il quale ha dovuto affrontare un fermo quarantennale dal 1978 al 2018. La tradizione però non è rimasta assolutamente scalfita.

Il Giro di Sicilia è partito oggi da Milazzo dopo tre anni dall’ultima volta che le due ruote e la cittadina del Tirreno si sono incrociate. Una kermesse d’eccezione che conferisce lustro a Milazzo e la iscrive ancora una volta negli album dello sport. Fa un certo effetto vedere il nome della nostra cittadina su Eurosport in un articolo che commenta in diretta la prima tappa Milazzo-Bagheria. Quest’ultima ha visto come vincitore Malucelli che corre con la casacca della nostra Nazionale. L’atleta forlivese militava nella squadra russa Gazprom sospesa per via delle politiche adottate a causa del conflitto in Ucraina.

Una vittoria che profuma di liberazione per l’atleta romagnolo, in primis a causa degli avvenimenti accaduti dopo lo scoppio della guerra.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo