Sicilia, Musumeci contro il DPCM: chiesta la deroga per aprire ristoranti e cinema

Il presidente della regione, Nello Musumeci, non è convinto delle misure contenute nel DPCM visto l’andamento dei contagi nell’isola sia diverso da quello riscontrato in altre regioni.

Il governatore Nello Musumeci si dice perplesso sulle misure contenute nel ultimo DPCM. Di conseguenza il governatore ha chiesto al governo centrale una deroga che permetterebbe ai ristoranti e ai cinema di chiudere dopo le 18.

 

Le parole del governatore, Nello Musumeci

«Il Dpcm ci lascia perplessi sulla chiusura alle 18 dei ristoranti e dei bar. E’ sinceramente penalizzante, soprattutto in una realtà della Sicilia che non è ai livelli di alcune zone del Nord. E’ facile in questo momento gettare benzina sul fuoco. Ogni protesta non deve diventare violenta, ma non si può non tenere conto delle proposte. Il governo regionale chiederà a Roma una deroga perchè si possa derogare nel settore culturale, tenendo i cinema e i teatri aperti. Le regioni stanno continuando a cercare il dialogo con il governo, ma da Palazzo Chigi arrivano condotte che non sono improntate a questo. Mi auguro che da parte di Roma questo tentativo di neocentralismo possa essere riveduto e si apra alle regioni. Roma dia le linee generali, ma ogni governatore si assuma le proprie responsabilità in funzione di quello che accada nel proprio territorio».


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo