Sicilia, arriva l’alta velocità: i Frecciabianca collegheranno Palermo, Catania e Messina

In questi giorni le carrozze dei “Frecciabianca” già corrono (vuote) fra Messina e Catania per i test in vista del loro debutto ufficiale, previsto a fine ottobre.

Importante novità, da fine mese farà il suo debutto il nuovo treno Frecciabianca. Finalmente l’alta velocità diventerà realtà anche in Sicilia. Saranno collegate Palermo, Catania e Messina, transitando sulla linea interna della Sicilia e quindi da Enna e Caltanissetta. Il convoglio, una volta giunto nella città dello Stretto, troverà pronto un aliscafo Blujet diretto a Villa San Giovanni per la coincidenza con l’alta velocità verso Roma e Milano.

Si definiscono treni ad alta velocità light, visto che la loro velocità di punta si attesta sui 200 Km/h , mentre i Frecciarossa arrivano a 300 Km/h. In tutto saranno 8 carrozze, di cui due di prima classe con tutti gli standard delle Frecce: bar e wi-fi, nella locomotiva E464 marchiata.

Secondo le prime stime, con i Frecciabianca, da Caltanissetta si arriverà a Roma Termini in otto ore e mezza, da Catania in sette ore e mezza. Palermo manterrà invece gli stessi tempi di percorrenza degli InterCity, quindi nessun miglioramento in termini di tempi di percorrenza; solo livelli di servizio superiori per i viaggiatori. Ancora da capire il prezzo dei biglietti e gli orari, che saranno resi noti da Trenitalia.

 

Il commento del sottosegretario ai Trasporti, Giancarlo Cancelleri

«So già che qualcuno storcerà il naso, dirà che un Frecciabianca non basta a cambiare la situazione delle ferrovie siciliane, ma bisogna pur fare un primo passo ed è un passo importante al quale ne seguiranno altri che miglioreranno radicalmente il servizio ferroviario e i collegamenti con il Nord Italia. Si tratta di un treno con livelli di comfort e servizi superiori agli Intercity e che permette collegamenti comunque più rapidi e di alto livello anche da Caltanissetta ed Enna».


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo