Quando muore un giovane, muore un pezzo di città

La tragedia che ha riguardato Massimo Montecucco, morto ieri in un incidente a Fiumarella, nella periferia di Milazzo, ha gettato sgomento in tutta Milazzo

Quando un giovane coetaneo se ne va è sempre difficile trovare le parole. Ieri sera abbiamo cercato di capire il nome di questa vittima. La notizia dell’incidente si è subito diffusa per la gravità della situazione. Inutili i soccorsi. Il ragazzo, 38enne, è morto sul colpo per il forte impatto. Devastante la dinamica, ancora da chiarire ma, dalle foto, appare evidente la potenza dello scontro.

La sua vespa rossa completamente distrutta. Si tratta di Massimo Montecucco, milazzese conosciuto in città, una notizia che ha davvero gettato una patina di tristezza tra tutti. In molti lo ricordano come un bravo ragazzo sempre sorridente. Personalmente ho avuto modo in passato di scambiarci due chiacchiere al campo del Milazzo. E’ sempre difficile trovare le parole per descrivere il lutto di una persona vicina anche solo anagraficamente e demograficamente. Una fatalità, una tragedia che questa mattina va raccontata e non avremmo voluto. Ad andarsene è un giovane, uno di noi. Ed è per questo che abbiamo aspettato prima di dare la notizia. In molti sui social lo hanno voluto ricordare sancendo l’amarezza e il dispiacere di questa perdita. Milazzo oggi prega per la famiglia di Massimo e i suoi amici. E il suo ricordo deve sopravvivere a quel terribile schianto.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo