Mito e leggenda nelle opere di Andrea Sposari a Tripi

Continua l'opera muraria dello street artist filippese Andrea Sposari con un imponente ed enorme toro dal volto umano, realizzato per il comune di Tripi

Il toro con la faccia umana, un chiaro riferimento alla mitologia greca. La nuova opera dello street artist Andrea Sposari commissionata dall’amministrazione comunale di Tripi.
Far rivivere l’antico borgo di Casale all’insegna della storia e della leggenda. Ecco come nasce il “Toro androproscopo”. L’enorme murales disegnato su un muro di 20 metri si affaccia sulla piazzetta – ristrutturata – del Casale di Tripi e si trova a lato dell’altro murale che ritrae Efesto mentre conia la moneta di Abakainon.
“Il toro Androprosopo è una figura mitologica tipica delle città edificate tra due corsi d’acqua – dichiara Andrea Sposari – Nella simbologia ellenica il toro rappresenta la potenza naturale dei fiumi e dell’acqua mentre la componente umana indica l’intelletto. L’Unione dei due elementi raffigura la nascita di una civiltà che sfrutta a proprio vantaggio gli elementi naturali dominati grazie all’intelletto umano. Efesto, nell’atto di coniare la moneta di Abakainon, sceglie di incidere il toro Androprosopo sul lato opposto rispetto a quello in cui è raffigurato il padre Zeus. La moneta esiste ed è esposta al Museo dei ritrovamenti archeologici di Tripi. Grazie all’amministrazione comunale.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo