Milazzo, gestione assistenza disabili: la denuncia di una lavoratrice “estromessa”

Una denuncia per una clausola sociale, una assunzione saltata e sostituita da una candidata al consiglio comunale. Gravi accuse per Diventerà Bellissima

IN AGGIORNAMENTO

Ricostruiamo la vicenda di una lavoratrice del servizio di assistenza agli studenti portatori di disabilità – servizio che il Comune affida a società cooperative – che secondo la sua missiva al Comune di Milazzo, sarebbe stata estromessa in favore di un’altra candidata vicina a Diventerà Bellissima e candidata al consiglio comunale. La signora C.A. sostiene di aver avuto i titoli e l’anzianità di servizio per essere assunta dopo vent’anni nel settore ma sarebbe stata surclassata nell’assunzione per “equilibri politici” sopraggiunti.

La Signora ha quindi scritto al Comune di Milazzo – la lettera è protocollata il 5 luglio scorso – chiedendo al Sindaco di adoperarsi per intervenire negli accertamenti. La stessa C.A. ha scritto ai consiglieri comunali investendoli della notizia. Queste assunzioni non sono gestite direttamente dal Comune di Milazzo ma da società intermediarie che poi gestiscono il servizio pubblico su delega.

Riportiamo lo stralcio della lettera scritta dalla signora C.A. al Sindaco di Milazzo nel passaggio più significativo della sua ricostruzione, di cui la stessa si assume la responsabilità:

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo