Milazzo, in cura gli antichi volumi della Biblioteca comunale

Alla biblioteca comunale di Milazzo sono iniziati i lavori di spolveratura degli antichi volumi. 

Biblioteca ZiPe, volumi del Seicento

Buone notizie per la Biblioteca comunale di Milazzo intitolata alla memoria di Stefano Zirilli e Peppino Pellegrino. Sono infatti iniziati in questi giorni i lavori di spolveratura e disinfestazione degli antichi volumi del cosiddetto fondo antico, che raccoglie tutte le opere pubblicate tra il Quattrocento e gli albori dell’Ottocento. L’intervento, disposto la scorsa estate dalla Sovrintendenza di Messina previa richiesta del Comune di Milazzo, è stato finanziato coi fondi del bilancio regionale ed ammonta a circa 4.200 euro. Affidato alla RGI BIO Steryl Tech S.r.l. di Genova, mancava all’appello dall’ormai lontano 2004, quando venne eseguito in vista dell’inaugurazione di Palazzo D’Amico, sede della stessa Biblioteca comunale.

Il benefico intervento consentirà di preservare dall’azione distruttiva dei parassiti in primo luogo i 7 preziosi incunaboli, i libri più antichi posseduti dalla Biblioteca, tutti pubblicati tra il 1479 ed il 1498. Ad essere oggetto di spolveratura e disinfestazione anche 104 cinquecentine, 461 seicentine ed altri 1.388 volumi pubblicati tra il Settecento ed i primi decenni dell’Ottocento. Purtroppo non si tratta dell’intero fondo antico, i cui numeri superano di gran lunga il totale dei volumi – in tutto 1960 -sottoposti al suddetto trattamento da qui sino al 31 dicembre, data di scadenza dell’appalto.

Il completamento della disinfestazione rappresenta pertanto uno degli obiettivi che dovrà impegnarsi a raggiungere la nuova Amministrazione comunale, unitamente al restauro di qualche incunabolo e di qualche cinquecentina che versano purtroppo in pessime condizioni. E senza dimenticare la catalogazione dello stesso fondo antico, con le quattro frecce da ormai 10 anni.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo