Meteo, forti temporali in arrivo in Sicilia: emanata l’allerta della protezione civile

Temporali anche violenti in arrivo sul messinese.

L’ipotesi di un forte peggioramento paventata qualche giorno fa sta trovando sempre più conferme nei principali modelli di calcolo, anche se sussistono ancora piccole differenze tra le loro previsioni. L’elevata difficoltà nella previsione di un minimo depressionario la cui traiettoria è influenzata da molte variabili determina una bassa predicibilità, quindi quanto sto per scrivere è solo la descrizione dello scenario più probabile.
Un minimo di bassa pressione si sta muovendo in queste ore dall’Algeria verso la Tunisia e il canale di Sicilia, il quale verrà raggiunto nel corso della giornata di domani. Le correnti in rotazione attorno al centro depressionario pescheranno aria mite e molto umida che convoglieranno verso la Sicilia, dove alimenterà fenomeni anche a carattere temporalesco. La prima fase del peggioramento inizierà già nel corso della serata odierna, con i primi deboli fenomeni legati allo stau tra i Peloritani meridionali e l’Etna sud-orientale. Tale situazione perdurerà per gran parte della giornata di domenica, con piogge via via più corpose sulle zone precedentemente citate, e con il graduale rinforzo delle correnti meridionali.
Il peggioramento entrerà nel vivo nel tardo pomeriggio di domenica, quando si formeranno diversi rovesci e temporali in rotta verso il messinese; non sono esclusi temporali anche forti ma localizzati, quindi impossibili da prevedere con esattezza. Pioverà a intermittenza probabilmente per tutta la giornata di lunedì, con fenomeni relegati principalmente sui Peloritani e il settore ionico. A fine giornata i quantitativi di pioggia potrebbero essere abbondanti su alcune zone della provincia. I venti soffieranno intensi di Levante nella giornata di domenica, mentre ruoteranno a Scirocco, pur indebolendosi, nel corso del lunedì. Le temperature caleranno nel corso dei fenomeni ma non giungerà nessuna massa d’aria più fresca dato il regime di ventilazione meridionale.
Diverso è il discorso per la Calabria ionica, dove in circa 48 ore potrebbero cadere apporti pluviometrici da attenzionare, specie tra il reggino e il crotonese.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo