Meteo, fine settimana piovoso sul litorale tirrenico

Fine settimana in compagnia della pioggia.

Tra la notte e l’alba si sono avute le ultime piogge sul settore tirrenico del messinese, collegate al peggioramento di ieri pomeriggio; sulla nostra provincia gli accumuli più elevati si sono registrati questa volta sul messinese occidentale, con i 43 mm di Castell’Umberto e i 17 mm di Capo d’Orlando, mentre sul settore orientale non si è andati oltre i 10 mm. Nelle prossime ore si assisterà ad una parziale tregua ma già dal pomeriggio la tendenza è ad un nuovo aumento delle nubi a partire da ovest per l’avvicinamento di una perturbazione atlantica. Quest’ultima chiuderà la lunga serie di fronti atlantici che si era aperta intorno al 25 novembre e che ha scaricato quasi dai 100 ai 200 mm su molti settori del messinese e fino ai 400/600 mm sulle zone più colpite dai nubifragi sui Peloritani.

Come dicevo, inizierà nuovamente a peggiorare a partire dal pomeriggio odierno a causa del passaggio di una saccatura; quest’ultima non avrà un’asse molto pronunciato (direttrice nord-est/sud-ovest) ma sarà caratterizzata da un movimento alquanto lento. Non sarà quindi rapido il passaggio di un minimo di pressione collegato alla saccatura e che, dopo essersi formato sul Tirreno settentrionale, nel corso della serata e della successiva notte traslerà verso il basso Tirreno.

La Sicilia tirrenica vivrà una prima fase del peggioramento, tra il pomeriggio odierno e la tarda notte, in cui si avrà la formazione di rovesci e temporali sul basso Tirreno che andranno a colpire il palermitano e il messinese (specie Eolie e settore occidentale). In questo frangente la ventilazione soffierà moderata di Ponente e le temperature inizieranno a calare per un primo afflusso di aria fredda.

Successivamente, tra l’alba e il pomeriggio di domani, il passaggio del minimo consentirà la formazione di rovesci e temporali anche forti (e localmente accompagnati da grandine per l’afflusso di aria fredda in quota) su gran parte dei settori tirrenici, stavolta anche orientali. Tra la notte e l’alba, in particolare, lo scorrimento del minimo potrebbe portare a fenomenologia intensa e persistente tra il palermitano orientale e il messinese occidentale (specie nell’area di Capo d’Orlando). In questa seconda fase le correnti ruoteranno da nord e le temperature scenderanno in modo più percepibile, fin verso i 9/11°C sotto precipitazioni.

 


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo