Harrison Ford in Sicilia per le riprese di Indiana Jones 5

Indiana Jones approda in Sicilia per compiere la sua ultima impresa prima del giusto riposo dopo le numerose peripezie in giro per il mondo

Indiana Jones

Indiana Jones approda in Sicilia

Il più grande archeologo della storia, non ce ne voglia Winckelmann, è approdato sulle coste sicule per la sua ultima impresa. Harrison Ford è arrivato ieri in Sicilia e con lui altri attori di caratura internazionale: Toby Jones, Phoebe Waller-Bridge e Antonio Banderas. Le riprese iniziano oggi alla Neapolis di Siracusa. Indiana Jones si sposterà successivamente verso i sotterranei di Castello Maniace e giovedì sarà a Cefalù. La prossima settimana l’archeologo col cappello e la frusta continuerà le sue imprese alla Tonnara del Secco, a San Vito Lo Capo e a Marsala.

Harrison Ford ha recentemente compiuto 79 anni, ma il suo carisma e il suo fare da macho autoironico sembrano non abbandonarlo. La produzione userà l’appena riaperta Grotta dei Cordari e il set naturale dell’Orecchio di Dionisio durante le giornate davanti allo Jonio. Chissà se Indiana riuscirà a trovare qualche tesoro nascosto sfuggito agli occhi dei turisti di tutto il mondo. Come testé detto, Indi è atteso anche a Marsala dove, grazie agli effetti speciali, uno yacht d’epoca affonderà nelle acque dello Stagnone.

A Cefalù, invece, si avrà il miglior colpo d’occhio poiché il paese verrà catapultato nel passato. Gli scenografi sono al lavoro da giorni per ricostruire un angolo polveroso e assolato del paese siciliano del 1969, con tanto di insegne a tema, niente cartelli stradali moderni, chiusura di ogni negozio e il Lilie’s trasformato in bar Clemente con una mega insegna della vecchia Cinzano. Indiana Jones 5 parlerà siciliano e ciò non può che renderci orgogliosi. Dopo le peripezie in Oriente, in Europa e nella “terra della Luna Crescente” alla ricerca del Graal, Indiana Jones dovrà affrontare l’ubertoso territorio siciliano per sconfiggere i suoi rivali.

L’uscita del film è prevista per il 29 luglio del 2022. L’attesa per l’uscita dell’ultimo Indiana Jones cresce sempre di più. Noi siciliani lo guarderemo con un occhio di riguardo in più rispetto alla normalità. D’altronde c’è la nostra terra sotto i piedi del grande archeologo e ciò costituisce sicuramente una grossa fonte di pubblicità per le nostre meraviglie naturalistiche e architettoniche. Sicuramente incentiverà molti nostri conterranei a conoscere dei luoghi finora sconosciuti. Ce lo dice lo stesso Indiana Jones nel film “Il regno del teschio di cristallo”: << Se vuoi diventare un bravo archeologo, devi uscire da questa biblioteca! >>.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo