Custodia cautelare per Marcello Grasso, fratello di Pietro ex presidente del Senato

E’ accusato di violenza sessuale aggravata nei confronti di una paziente.

Marcello Grasso, 70 anni, neuropsichiatra stimato e conosciuto in città, ha avuto notificata un’ordinanza di custodia cautelare in carcere il 30 Marzo scorso e da allora si trova recluso a Palermo. L’inchiesta della procura di Palermo è nata da una denuncia di una sua paziente, e ruota sui metodi usati dal medico. Infatti il neuropsichiatra ha utilizzato il teatro come forma di terapia. La donna ha riferito di avere indossato un costume di burlesque nello studio del medico dove sarebbero avvenuti gli abusi, che consisterebbero in massaggi.

Gli investigatori dopo la denuncia hanno anche piazzato una telecamera nello studio del professionista e stanno convocando ex pazienti alla ricerca di riscontri. Nell’ordinanza di custodia si fa cenno a un incontro con un’altra paziente, in una stanza adiacente. Incontro che la telecamera non riprende: dopo, però, c’è un dialogo fra i due, che viene ritenuto dai magistrati un riscontro alla condotta del dottor Grasso.

 

Le dichiarazione dell’avv. Vincenzo Lo Re

«Il professionista è stato già interrogato dal giudice, che ha ribadito la misura in carcere. Il dottore Grasso ha lavorato per 40 anni in strutture pubbliche e poi privatamente e mai nessuna paziente si è lamentata per alcunché. È un dato che deve far riflettere. Lui peraltro non si è trincerato dietro la facoltà di non rispondere ma ha risposto a tutte le domande del giudice. E non ha screditato l’ex paziente, ma ha fornito argomentazioni logiche per offrire una diversa ricostruzione dei fatti».


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo