Christian, Alessandro e Giovanni. Da Milazzo a Roma per i diritti dei ristoratori

I tre milazzesi a Roma per testimoniare i disagi del comparto ristorazione ancora alle prese con le misure anti-covid e le strette per le chiusure.

Si tratta di Christian Guercio (Totù) Giovanni Cambria (La Chinta) e Alessandro Ilacqua (Civico 147). Il tour di questi tre giovani ristoratori milazzesi continua dopo Palermo. Ultima tappa odierna a Roma del tour dei commercianti che oggi alle 15 scenderanno in piazza Montecitorio a due passi da Palazzo Chigi sede del Governo,per manifestare la possibilità di poter tornare a lavorare. Consapevoli che ad attenderli ci sono altri giorni di chiusura, oggi sarà l’evento finale di un tour organizzato da #IoApro,l’associazione di ristoratori,mosso dal grido “Riapriamo l’Italia”. Non ci saranno soltanto gli esercenti oggi nella Capitale, ma anche il mondo delle palestre, dell’estetica e le partite Iva. Quella che andrà in scena nel pomeriggio sarà la quinta tappa di un tour inaugurato il 28 marzo a Milano, proseguendo a Napoli, Palermo, Bologna e oggi a Roma dove si registra l’arrivo di una delegazione di ristoratori milazzesi,si tratta dei combattivi titolari di noti ritrovi cittadini Christian Guercio(Totu’),Alessandro Ilacqua(Civico 147) e Giovanni Cambria(La Chinta). La richiesta dei milazzesi, come quella attesa dai colleghi di tutta Italia, è di poter riaprire il 7 aprile in sicurezza, nel rispetto delle disposizioni governative. Tutti i partecipanti al sit-in esporanno degli striscioni raffiguranti degli scontrini simbolici, a rappresentare le perdite avute in un anno di pandemia e chiedono riaperture immediate e sostegni economici adeguati al periodo di sofferenza finanziaria.
“Fornire prospettive a quei settori chiusi valutando aperture dal 20 aprile,per poi permettere da maggio la ripartenza di attività in stand-by da troppo tempo come le palestre”,questa la sintesi della posizione delle Regioni che giovedì 8 incontreranno il premier Draghi in merito ai fondi Recovery,e si confronteranno col Governo nella conferenza Stato-Regioni. In quest’ottica potrebbe essere convocata la cabina di regia per valutare la programmazione di possibili riaperture prima della scadenza del nuovo Dpcm.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo