Petizione Annullamento Multe Asse Viario Milazzo

Firma la petizione per annullare le multe sull’asse viario 

Firma qui

C’è ancora un cuore che batte al “Marco Salmeri”

Una preghiera verso l'alto, un gesto scaramantico, un gol all'ultimo minuto: al "Marco Salmeri" va in scena uno dei match più belli della storia mamertina

Marco Salmeri

Si ritorna sempre dove si è stati bene. Almeno se la vita lo permette. Ricongiungersi col primo vero amore calcistico dopo tanto tempo fa sentire spaesati e nostalgici come da nessun’altra parte. Lo stesso stadio, le stesse emozioni oltre la categoria, le stesse persone – o quasi, perché il tempo vola inesorabile – si uniscono in un gigantesco turbine che dà vita a novanta minuti di preghiera, ma non in religioso silenzio. Tornare al “Marco Salmeri” – e Dio solo sa quanto fa male chiamare così il Grotta – per spingere undici ragazzi alla vittoria, nonostante tutto, è un rito magico che trasuda di profonde tradizioni.

Ancora una volta ieri è andata in scena la sfida tra la volontà di far spiccare imperioso il volo dell’aquila e il grigio materialismo di chi, dopo aver speso una caterva di denaro, è costretto a fare i conti con l’assenza di fondamenta storiche per affrontare determinate compagini. “So’ ragazzi” direbbero nella Capitale ed effettivamente è vero: gli undici milazzesi scesi in campo ieri erano praticamente dati per spacciati contro la corazzata della greco-siceliota Taormina. Altresì spesso si dimentica un fattore fondamentale: il milazzese – uomo di mare – è abituato a imprese storiche che creano un solco indelebile.

Ieri al “Marco Salmeri” è sembrato di rivedere in scena la beffa di Buccari orchestrata e operata dall’eroico Luigi Rizzo insieme al Vate. Tra defezioni e problemi vari, tutti i mamertini hanno deciso di osare l’inosabile in doppia inferiorità numerica. È bastata una preghiera all’ultimo minuto, un gesto perfetto a centrocampo del nuovo arrivato Rossomando per permettere al derviscio Kari di insaccare la palla in rete e mandare in estasi i suoi adepti. Perché ogni gol è un pizzico di luce che abbaglia il gravoso tunnel della classifica di destra. Alla funivia sopra gli spalti, noi preferiamo l’azzurro del mare dove si perdono tanti palloni e lo sguardo severo del gigante Polifemo che protegge gli ultràs.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo