Calcio, il Milazzo ricompatta i dirigenti societari con l’arrivo di Patanè

Un nuovo innesto societario per la squadra del Milazzo, si tratta di Giacomo Patanè, per lui un ritorno nella società mamertina presieduta da Frank Alacqua

Campionato di Promozione, girone B, fermo da mesi così come altri sport dilettantistici, e non solo, causa Covid-19. Ma non mancano attività e novità all’interno del sodalizio rossoblù in vista della ripresa, semmai ci sarà, del calcio giocato.

Lo stop forzato ha riservato non poche novità, anche se quelle da considerare più importanti e clamorose  riguardano l’abbandono dell’allenatore Niko Caragliano ed il recente addio che ha dato Francesco Alosi, andato adesso a rinforzare il Gangi che, con il prezioso apporto che darà sicuramente l’ex centrocampista mamertino, punta a vincere il campionato. Ma il vero colpo di mano la società guidata dal presidente Alacqua l’ha realizzato con il ritorno nel suo organico di Giacomo Patanè, annunciato con il seguente comunicato: “La S.S. Milazzo ha il piacere di comunicare il ritorno in società del Signor Giacomo Patanè. La suddetta dà il benvenuto al nuovo socio che nel recente passato aveva già proficuamente contribuito a far crescere il nostro sodalizio. Imprenditore nel settore dei traslochi, operante su tutto il territorio nazionale, Patanè ha sempre nutrito un amore incondizionato per la squadra della sua città, prima in veste di tifoso e successivamente in quella di dirigente. Molto entusiasta del suo ritorno in famiglia, si è fin da subito messo a disposizione suggerendo nuove ed interessanti idee. La S.S. Milazzo, inoltre, non esclude l’ingresso di nuovi soci e dichiara la propria disponibilità ad accogliere coloro i quali, mossi dalla passione per i colori rossoblu, vogliano contribuire a portare avanti il progetto intrapreso nella stagione scorsa”.

A domande dei cronisti Patanè ha fatto sapere che nel momento in cui la società ha preso contatti con lui non ha esitato a dare la sua piena disponibilità. Nonostante le note difficoltà del momento per il Covid-19, il nuovo socio ha manifestato la sua speranza che la situazione possa al più presto rientrare nella normalità e conseguentemente ripartire anche con il calcio. “L’obiettivo –come ha detto Patanè- resta quello di partenza, ovvero il salto di categoria, anche se per raggiungerlo concorreranno ovviamente altri fattori, non ultimi le ambizioni di altre squadre concorrenti”.

In merito all’assenza di un tecnico, Patanè l’ha posta come punto fondamentale nella ricerca di una nuova guida di alto profilo e successivamente ci sarà la ricerca anche la ricognizione dell’organico per effettuare quelle eventuali operazioni di mercato necessarie per non perdere di vista il traguardo della promozione, visto che il ritorno dell’imprenditore al suo “vecchio amore per i colori del Milazzo” è da interpretare come l’ambizioso desiderio di riportare il Milazzo al rango che gli compete e tornare quindi ad essere protagonista su quei palcoscenici più importanti che è riuscita a calcare in passato.

Intanto gli addetti ai lavori attendono novità per la ripresa del campionato che è legata al calo dei contagi. Si guarda alla fine ella prossima settimana, in teoria il 17 gennaio, ma al momento è solo speranza.

Ogni decisione dipenderà intanto dai provvedimenti che discenderanno dai saloni della politica, e poi vedere come andranno a concretizzarsi nelle decisioni demandate agli organi federali. Quindi, data della ripresa che sarà fissata dalla Lega, che per assicurare la regolare conclusione del campionato non escluderà probabilmente la disputa di partite anche infrasettimanali.

 

A cura di Andrea Italiano


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo