Associazione Tirrenico e il consigliere Amato insieme per le bibliocabine

Stamattina è stata depositata la mozione sulle bibliocabine dal consigliere di Milazzo Antonio Amato che ha colto la proposta dell'Associazione Tirrenico

Riqualificare le vecchie cabine telefoniche, trasformandole in piccole librerie in modo che, attraverso il sistema del bookcrossing, possa esserci uno scambio di libri tra tutti coloro che sono appassionati di lettura.

L’idea è della nostra Associazione culturale il Tirrenico che l’ha condiviso poi con il consigliere Antonio Amato. A promuovere l’iniziativa, già adottata in altre città italiane, il consigliere comunale Antonio Amato della lista “Lorenzo Italiano sindaco” il quale ha presentato una mozione per chiedere all’Amministrazione di interpellare i proprietari delle stesse cabine al fine di riqualificarne l’utilizzo attraverso magari un comodato d’uso gratuito o la concessione delle stesse; facendosi anche promotrice di uno spazio pubblico di economia circolare nella fattispecie nella forma del baratto libero, per sfruttare questi spazi con l’apposizione di mensole su misura per lo scambio di libri, giornali e fumetti”.

Il consigliere chiede al sindaco di farsi garante per l’accoglimento delle associazioni di eventuali donazioni di libri, fumetti e giornali per renderli disponibili alla collettività in apposite cabine-librerie dove prendere e lasciare libri e di dare in gestione a eventuali associazioni appositi spazi per garantirne la libera fruizione, il mantenimento e la loro disponibilità.

“Ritengo l’iniziativa importante specie nel periodo che stiamo vivendo – afferma Amato – che ha fatto venire meno tutte le attività di carattere culturale dal vivo. Un modo per ridare energia al territorio e favorire azioni concrete e non solo virtuali. Sono un appassionato di libri, confrontandomi con altre persone mi ha incuriosito la presenza in alcune città di queste cabine adibite a biblioteche di quartiere e quindi credo che anche a Milazzo si possa portare avanti senza problemi permettendo agli amanti della lettura di poter cercare, tra i titoli presenti all’interno della cabina, il proprio libro magari lasciandone un altro a disposizione dell’utente successivo”.

“Sono molto felice di aver condiviso questa proposta con l’amico di sempre Antonio Amato che si è subito mostrato disponibile – ha dichiarato Santi Cautela, presidente dell’Associazione Culturale Tirrenico – queste bibliocabine sono realtà in molte città del Nord Italia e rappresentano un’occasione di scambio di libri e fumetti a zero euro in un momento dove la cultura ha subito diversi rallentamenti. Colgo l’occasione per ringraziare anche il Presidente del Consiglio Alessandro Oliva che si è detto disponibile ad accogliere la mozione con urgenza. Noi come associazione siamo pronti a trasformare le cabine Sip di San Papino in due librerie fornite di tutto. Speriamo di trovare nell’amministrazione un sostegno per la parte burocratica di intercessione con la Telecom. Le cabine sono in disuso da tempo e potrebbero essere recuperate facilmente con un vantaggio per tutta la collettività.”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo